Nuova vita per le infrastrutture energetiche del Perù

Pubblicato giovedì, 3 dicembre 2015

Con una produzione annuale che supera i 9 miliardi di kWh e 26.661 chilometri di linee elettriche, il Gruppo Enel riveste un ruolo centrale per la sostenibilità del sistema energetico del Perù.

Il Paese rappresenta una delle economie emergenti e un mercato strategico per il business del Gruppo che continuerà a investire in Perù, come ribadito in occasione della recente visita in Sudamerica dell'amministratore delegato Francesco Starace, a seguito della delegazione italiana guidata dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Enel intende infatti contribuire alla crescita della nazione andina, mettendo in atto la strategia open power delineata il 18 novembre scorso in occasione del Capital Markets Day di Enel.

In quest'ottica rientra il continuo aggiornamento e ammodernamento degli impianti di produzione energetica, per rendere i sistemi di generazione più efficienti. In Perù la business line Global Generation di Enel ha completato di recente la progettazione e l’iter autorizzativo per l'intervento di rinnovamento dell’impianto turbogas della centrale di Malacas, di proprietà della controllata Empresa Electrica de Piura S.A. (EEPSA), nella regione Talara, sulla costa nord..

Il progetto prevede una spesa di circa 54 milioni di dollari e consiste nell‘installazione di una turbina a gas a ciclo aperto della potenza di 51,8 MW. Questa, denominata TG6, sostituirà la capacità delle tre turbine obsolete esistenti nell’impianto (TG1, TG2 e TG3). L’attività inizierà a fine 2015 con l’apertura del cantiere, e il nuovo impianto sarà operativo nei primi mesi del 2017.

L'intervento permetterà di mantenere la posizione strategica di EEPSA, controllata di Enel, nel nord del Perù, dove l’impianto di Malacas costituisce uno dei principali nodi del sistema elettrico nazionale.

“Il Perù è un esempio virtuoso di gestione delle competenze e della competitività nel campo della Generazione Globale”, sottolinea Enrico Viale direttore Global Generation. “Il ruolo dei nostri asset in questa nazione, sia quello termoelettrico che quello idroelettrico, è strategico. Ed è altissima la qualità della gestione dei nostri impianti: vi sono azioni di miglioramento interessanti che possiamo implementare nella nostra ‘flotta’ globale di centrali di produzione”.

Parallelamente all'intervento di ammodernamento tecnologico, il Gruppo ha promosso una serie di iniziative per favorire lo sviluppo delle comunità locali attraverso un piano di Creating Shared Value. In particolare è prevista la realizzazione di un progetto incentrato su salute e educazione della popolazione locale, con la concessione di borse di studio per bambini e adolescenti meritevoli, lo sviluppo di un programma di nutrizione per i più piccoli in età scolare e la promozione della pratica del riciclo di rifiuti.

Un'iniziativa che si affianca ad altre già portate avanti dalla controllata Edegel, nella zona di Junín nella zona centrale della Cordigliera andina. In quest'area il team di sostenibilità di Enel sta realizzando il progetto “Promozione della salute e lotta contro la denutrizione infantile”, il cui obiettivo è dare una miglior speranza di vita ai bambini ai bambini di cinque comunità rurali della zona.