Energoland, viaggio al centro dell'energia

Pubblicato mercoledì, 25 febbraio 2015

Un vero e proprio viaggio nell'evoluzione del mondo dell'energia, dal Big Bang al futuro prossimo. Un punto di incontro tra reale e virtuale dove visitatori di ogni età possono scoprire, in modo interattivo, il rapporto tra uomo ed energia di ieri, oggi e domani. Si tratta di Energoland, il nuovo centro di informazione realizzato da Slovenské Elektrárne nei pressi della centrale nucleare di Mochovce in Slovacchia, dove il gruppo Enel è il più importante operatore nella generazione, producendo circa l'80% dell'elettricità del Paese con impianti nucleari, idro e termoelettrici.

Attraverso un percorso composto da 33 sezioni interattive i cittadini, in particolare i più giovani, hanno la possibilità di osservare sul campo la vasta gamma di attività che ruota attorno alla produzione di energia elettrica, in un itinerario che coniuga arte, conoscenze e applicazioni pratiche.

Il centro è infatti dotato di sistemi tecnologici di visualizzazione all'avanguardia per raccontare la storia dell'energia sin dall'inizio dell'universo e ospita, oltre all'area espositiva, anche un Auditorium attrezzato per eventi e corsi di formazione, più una sala cinema 3D da 30 posti, in cui assistere alla proiezione dell'Odissea dell'Energia.

Nel tour virtuale il visitatore può osservare l'energia prodotta dal proprio corpo grazie a un grande specchio per la riproduzione dell'immagine termica, muoversi sul tappeto a LED oppure provare uno dei numerosi giochi interattivi: in Electric Grid Operator il giocatore deve elaborare un piano per fornire energia a un Paese rimasto senza corrente, mentre in Energopolis si costruiscono centrali per fornire elettricità alle comunità.

Energoland è stato definito “un centro di informazione a cinque stelle” da Laura Elizabeth Kennedy, rappresentante degli Stati Uniti nel Consiglio dei governatori dell'AIEA e charge d'affaires della Rappresentanza permanente USA presso le organizzazioni internazionali a Vienna, in visita alla centrale di Mochovce. La Kennedy ha inoltre visitato la sala di controllo principale dell'impianto, dove ha ricevuto informazioni sulle procedure di formazione e preparazione degli operatori, con particolare riferimento agli aspetti legati alla sicurezza.